Sbocchi professionali

Ingegnere gestionale
funzione in un contesto di lavoro:
Le principali funzioni della figura professionale e le relative competenze sono analizzate sulla base dei dati Almalaurea,dei risultati del Comitato di Indirizzo e dei report del Sistema informativo EXCELSIOR. In particolare, le capacità di Problem Solving acquisite e la sua formazione fortemente diversificata permettono all'ingegnere gestionale di affrontare problemi diversificati di produzione e di gestione, interagendo con colleghi ingegneri di formazione spiccatamente tecnica e progettuale. Per l'articolazione delle sue competenze, l'ingegnere gestionale trova oggi collocazione in ambiti molto diversificati e qualificati, tra i quali la reingegnerizzazione dei processi aziendali, lo sviluppo di modelli, sistemi e applicazioni di supporto alle decisioni, la progettazione di sistemi e procedure organizzative per l'interazione tra imprese e tra queste e gli acquirenti dei beni e servizi prodotti, la configurazione dei sistemi di pianificazione e controllo delle attivita' operative e finanziarie, la gestione operativa di progetti complessi, la gestione della produzione e della distribuzione, la gestione della qualita' e della sicurezza, il marketing industriale e dei servizi.
competenze associate alla funzione:
Le principali competenze associate alla funzione dell'Ingegnere gestionale sono individuate consultando il Comitato di Indirizzo, per fare in modo che funzioni e competenze siano coerenti con i fabbisogni espressi dal mondo del lavoro. In particolare, le aree funzionali di impiego per le quali il CdS fornisce una preparazione sono le seguenti: marketing, commerciale e vendite, sistemi informativi, pianificazione strategica e controllo di gestione, produzione e logistica.
Dall'analisi dei dati riportati nei report del Sistema informativo Excelsior, emerge che la figura professionale di ingegnere è richiesta nel 19% dei casi nell’ambito “Professioni intellettuali, scientifiche e di elevata specializzazione”, e nel 34% dei casi nell’ambito “Professioni tecniche”. Nel caso specifico dell'Ingegnere gestionale, i dati Almalaurea mostrano che i settori che maggiormente ricercano ingegneri gestionali sono i seguenti: l'industria manifatturiera, le aziende operanti nel settore dell'energia e dell'impiantistica e settore dei trasporti, settore dei servizi e della consulenza, tutti i settori della Pubblica Amministrazione, il settore della ricerca in Istituti pubblici e privati, nazionali ed internazionali.
sbocchi professionali:
Il laureato in ingegneria gestionale trova facilmente collocazione sia in grandi imprese, sia in piccole e medie aziende, produttive e di servizio. Dall'analisi dei dati Almalaurea relativi al corso di studio in esame, risulta che la totalità degli studenti iscritti intende proseguire gli studi (di cui il 96.9% intende iscriversi alla laurea magistrale). Emerge inoltre che, con riferimento alla tipologia di lavoro, viene preferito il settore privato, con contratto di lavoro a tempo indeterminato o autonomo, e orario di lavoro a tempo pieno. I laureati mostrano interesse a lavorare nella provincia di residenza o nella provincia sede degli studi, pur dimostrando disponibilità ad effettuare frequenti trasferte. Infine, tra gli sbocchi lavorativi vengono privilegiati, nell'ordine, i settori “organizzazione e pianificazione”, “controllo di gestione” e “logistica e distribuzione”. Nel seguito vengono descritti i profili che il CdS intende formare con riferimento a tali settori.
Responsabile organizzazione e pianificazione, Responsabile controllo di gestione
funzione in un contesto di lavoro:
Tale figura costituisce l'elemento di interfaccia tra management aziendale e utilizzatori.
Essa, in collaborazione con il management aziendale contribuisce a tradurre le richieste direzionali e le esigenze dell'utenza in specifiche tecniche costituenti la base per la realizzazione e lo sviluppo dei prodotti e servizi.
competenze associate alla funzione:
Le principali competenze associate a questa funzione sono legate all'applicazione di:
- modelli e tecniche organizzative;
- tecniche di contabilità industriale e di analisi dei costi;
- tecniche di economia aziendale;
- metodologie per la gestione dei flussi e degli stock;
- metodologie tecnologico-impiantistiche.
sbocchi professionali:
Aziende di consulenza, enti pubblici e privati, aziende di produzione e servizi.
Responsabile logistica e distribuzione
funzione in un contesto di lavoro:
Si occupa di pianificare, gestire e controllare le attività relative ai processi di approvvigionamento, gestione delle scorte e distribuzione dei prodotti finiti. Contestualmente a tali obiettivi, concepisce e valuta costi e benefici di innovazioni in ambito della logistica di approvvigionamento e di distribuzione e della gestione del magazzino.
competenze associate alla funzione:
Le principali competenze associate a questa funzione sono legate all'applicazione di:
- metodologie per la gestione dei flussi e degli stock;
- tecniche di economia aziendale;
- metodologie tecnologico-impiantistiche.
sbocchi professionali:
Aziende di produzione di beni o servizi, di gestione logistica e di erogazione di servizi. Aziende di consulenza nell'ambito logistico ed organizzativo.
Ingegnere di processo
funzione in un contesto di lavoro:
Tale figura opera tipicamente all'interno di aziende manifatturiere (solitamente di dimensione medio-grande) e si occupa dell'analisi dei processi produttivi, della progettazione dei piani d'intervento indirizzati ad un miglioramento dell'organizzazione produttiva. Ha il compito di ottimizzare i fattori ed i processi che concorrono alla produzione in un'ottica di "produzione snella" introducendo metodologie produttive e organizzative per il conseguimento di obiettivi di miglioramento dell'efficienza e della produttività.
competenze associate alla funzione:
Le principali competenze associate a questa funzione sono legate all'applicazione di:
- metodologie per la gestione dei flussi e degli stock;
- metodologie tecnologico-impiantistiche;
- tecniche di contabilità industriale e di analisi dei costi;
- tecniche di economia aziendale;
- metodologie di statistica applicate al controllo dei processi produttivi.
sbocchi professionali:
Aziende di produzione di beni.
Abilità Comunicative

Il Corso di Laurea intende sviluppare in generale:
-capacità di operare efficacemente individualmente e come componente di un gruppo;
-capacità di comunicare in modo efficace con la comunità ingegneristica e in generale con la società, sia in contesti nazionali, sia in ambito internazionale;
-conoscenza degli aspetti di sicurezza e legali della pratica ingegneristica, dell'impatto delle soluzioni ingegneristiche nel contesto sociale e ambientale;
-piena consapevolezza dell'etica professionale, nell'esercizio delle responsabilità e nel rispetto delle norme della pratica ingegneristica;
-comprensione delle problematiche della gestione dei progetti e delle pratiche commerciali, quali la gestione del rischio e del cambiamento.

Nello specifico, intende sviluppare:
1. comunicare con tecnici della produzione, responsabili di prodotto, responsabili della logistica, addetti al controllo di gestione, responsabili/addetti dell'area sistemi informativi sui problemi tipici della gestione aziendale, della conduzione dei processi e dei sistemi organizzati.
2. favorire il coordinamento tra le aree tecniche deputate alla produzione, alla logistica ed alla gestione dei sistemi informativi e le linee di business grazie a un background di competenze nei vari ambiti specifici.
3. presentare i risultati di progetti e lavori sviluppati in prima persona o in attività di gruppo.

Le abilità comunicative sono accertate attraverso le prove orali previste negli esami di profitto dei singoli insegnamenti.